Isola di Koufonisi | Creta | Grecia

Isola di Koufonisi | Creta | Grecia

Koufonisi, Creta, Grecia
La piccola isola disabitata di Koufonisi [Κουφονήσι] si trova nel mar Libico, a 3,5 miglia nautiche (6,5 km) da Capo Goudouras, a pochi chilometri ad est di Makrygialos, località balneare della costa meridionale di Creta. Koufonisi è la più grande isola di piccolo arcipelago che comprende altri quattro isolotti: Makroulo, Marmaro, Strongyli e Trachilos. Koufonisi è un'isola quasi circolare: 6 km di lunghezza e 5,5 km di larghezza massime. Attenzione a non confonderla con l'omonima isola delle Piccole Cicladi.

Koufonisi era nota nell'antichità con il nome di Lefki, la bianca, per il bagliore candido delle sue rocce calcaree. Oggi l'isola è una zona protetta perché oltre ad essere un paradiso naturale da tutelare, è piena di resti archeologici. In età minoica Koufonisi era un importante centro economico e culturale. La sua importanza strategica nei commerci marittimi con le popolazioni dell'Africa, la rese oggetto di aspre dispute tra le città-stato cretesi. Inoltre, il suo mare era ricco di spugne e di murici dalle quali si ricavava la porpora. Un'iscrizione posta su una delle pareti del monastero di Toplou racconta che nel 132 Koufonisi fu assegnata a Itanos che da molti anni la contendeva a Ieraptina, l'odierna Ierapetra.

Cosa vedere a Koufonisi

Il primo a notare la presenza di resti archeologici fu l'ammiraglio inglese Thomas Abel Brimage Spratt che approdò sull'isola nella prima metà del XIX secolo. Nel 1903 gli archeologi Robert Carr Bosanquet e Charles Trick Currelly perlustrarono tutta la superficie seguendo le accurate descrizioni dell'ammiraglio, ma i primi scavi sistematici furono avviati soltanto nel 1976, diretti dall'archeologo Nikos Papadakis. Koufonisi ha offerto così tanti reperti di valore che molti storici la chiamano, con un pizzico di esagerazione, la piccola Delos.

All'estremità nord-orientale dell'isola, proprio di fronte all'isolotto di Marmara, fu portato alla luce un teatro in buone condizioni: la gradinata, l'unica parte in condizioni non ottimali, era formata da sedici file e poteva contenere oltre 1000 spettatori; l'orchestra semicircolare era pavimentata con grandi lastroni d'argilla: sono ben conservati il palcoscenico, il parascenio e le parodi. Il teatro fu razziato e parzialmente distrutto dai Cristiani durante il IV secolo.

Nei pressi del teatro si trovano i resti di un abitato. Tra i vari edifici spicca una villa con ampio portico e otto camere. Fu identificata una cucina e un laboratorio per la preparazione della porpora. In due stanze furono ritrovati superbi mosaici pavimentali con disegni di rombi e croci di colore bianco e nero. Altri interessanti edifici furono rinvenuti nella zona centrale dell'insediamento: i resti di strumenti legati alla pesca ritrovati al loro interno hanno portato a credere che si trattasse di case di pescatori.

Un altro grande edificio, in buone condizioni, ospitava le terme pubbliche, in uso tra il I e il IV secolo d.C. Si possono osservare i resti dell'atrio attorno al quale si trovavano le camere riscaldate. Il ritrovamento di due distinti ipocausti, sistemi per il riscaldamento, fa supporre che le terme avevano zone distinte per gli uomini e per le donne. Si trattava di terme molto lussuose come testimoniano i ritrovamenti di pavimenti in marmo e pitture murarie di ottima fattura. Altri resti evidenziano la presenza di spogliatoi, vasche per la diaforesi (antiche saune) e le tipiche zone termali: calidarium, frigidarium e tepidarium.

Ciò che ha però maggiormente colpito archeologi e storici è il l'acquedotto cittadino composto da una complessa rete di tubature che trasportavano l'acqua dalle sorgenti situate nella parte nord in tutte le altre zone dell'isola.

Nella parte meridionale si trova un tempio, di dimensioni 18 m x 16 m. Rimangono soltanto il crepidoma (basamento a gradini sul quale veniva costruito l'edificio), alcuni fregi architettonici e parti di una grande statua, la cui altezza doveva arrivare a circa 2,50 m, che rappresentava una divinità seduta su un trono. Il tempo non è stato distrutto da qualche grave calamità naturale o a causa di qualche battaglia. In realtà, è stato utilizzato all'inizio del secolo scorso come materiale di costruzione del faro dell'isola che oggi giace in rovina.

Le spiagge di Koufonisi

La natura ha dotato Koufonisi di un mare incredibile e di fantastiche spiagge, paragonabili alle più belle di Creta. Ricordate di portare con voi tutto l'occorrente per trascorrere una giornata di mare perché le spiagge non sono attrezzate e non neanche un punto di ristoro in tutta l'isola. Cibo e bevande sono essenziali così come un'ombrellone: raramente troverete alberi o altri punti per ripararvi dal sole. È bene sapere che, tranne in alcuni casi, è impossibile passare da una spiaggia all'altra senza utilizzare una barca. Non dimenticate assolutamente la maschera perché i fondali marini intorno a Koufonisi sono bellissimi: oltre ad essere pieni di pesci, spesso si trovano resti archeologici, anche alcuni antichi vascelli affondati a causa dei numerosi scogli nei pressi della costa. Si ricorda che non è prelevare reperti è un grave reato.

Nella parte settentrionale dell'isola si trova Anermetia, spiaggia in parte sabbiosa e in parte rocciosa. Un po' d'ombra è offerta da tamerici presenti nella zona centrale. Anermetia si riconosce facilmente per la presenza di un piccolo molo e di una fatiscente baracca di legno e lamiera. Di fronte, nel mare, si scorgono gli isolotti Makroulo e Strongyli. Camminando verso est si arriva a una piccola costruzione di pietra di fronte la quale si trova una spiaggetta di sabbia mista a sassolini. È chiamata Pigadi per la presenza di alcuni pozzi di pietra. Il mare assume tonalità di azzurro molto chiaro; i bassi fondali permettono di rilassarsi in acqua prendendo il sole. Un minuscolo sentiero conduce alla cappellina di Agios Nikolas.

Il basso tratto di costa settentrionale termina a est sotto una parete rocciosa. Qui c'è una spiaggia di sabbia dura, Perasma, in greco passaggio, nome derivante dalla presenza di un piccolo sentiero, oggi scomparso, che aveva inizio alla base della scogliera. La costa nord-orientale termina offrendo spiagge, alcune sabbiose e altre rocciose, chiamate Greos, termine che nel linguaggio nautico indica il vento di nord-est. Di conseguenza, sono molto spesso ventose. Nei primi metri dalla battigia il mare è di un incantevole colore celeste; la trasparenza dell'acqua permette di ammirare i fondali, in gran parte rocciosi, senza l'ausilio di una maschera anche dove raggiungono molti metri di profondità.

Lungo la costa sud-orientale c'è soltanto una spiaggia, Prosfora, la più lunga dell'isola (circa 800 m). Profonda nella zona nord-orientale, si restringe sul lato opposto. La spiaggia ha una sabbia dorata, fine e compatta. Il fondali rocciosi sono perfetti per chi ama fare snorkeling. Non c'è un filo d'ombra per tutta la sua estensione. Il nome, che in greco significa offerta, deriva dalla una roccia rotonda che si trova mare e che ricorda il pane utilizzato durante la liturgia ortodossa.

Nel breve tratto costiero sud-occidentale ci sono alcune baie al cui interno si trovano quelle che per molti sono le spiagge più belle di Koufonisi. Molti anni fa, il principe Carlo e la Lady Diana ormeggiarono il loro yacht nel mare di fronte queste stupende baie, trascorrendo momenti d'intimità e d'amore. Di fianco la punta meridionale che prosegue idealmente fino all'isolotto Trachilos c'è una serie di piccole baie e isolotti caratterizzati dalla roccia bianca che, in antichità diede il nome all'isola. Questa roccia, polverizzata di fronte al mare, si trasforma in sabbia e ghiaia bianca che donano alle spiagge, che chiamano Chalasma, un'atmosfera da isola tropicale. Le dune e i gigli bianchi accrescono il clima esotico e paradisiaco del luogo. Il mare ha colori fantastici, l'acqua è ovunque bassa e nelle zone attorno agli isolotti i fondali marini offrono uno spettacolo incredibile. La spiaggia e il mare di Chiliaderfia sono del tutto simili a quelli di Chalasma, tranne per il fatto che si tratta di un unico lungo sabbiale di circa 200 m e che non vedrete alcun isolotto in mare.

Anche la costa occidentale è caratterizzata da spiagge incastonate in baie di piccole dimensioni. Quella più a sud, Plevro, è un arenile rossastro con fondali in gran parte rocciosi. È una delle spiagge meno considerate dell'isola, ma non meno bella delle altre. È perfetta se siete alla ricerca di un angolo d'intimità e privacy. Altrettanto sconosciuta e remota è Asprougas. Se definirla la più bella è una considerazione soggettiva, di sicuro si può affermare che è la spiaggia più originale di Koufonisi. Il suo nome, che in dialetto cretese significa bianca, si riferisce alle scogliere e alle colline d'argilla bianca che sembrano innevate. Si può raschiare dalle pareti l'argilla e cospargerla sul viso e sul corpo per una seduta di bellezza e di benessere fai da te. Queste rocce dalla forma curiosa sono interessanti dal punto di vista geofisico, ma anche geologico: c'è una zona dove ci sono fossili appartenenti ad una specie di lumaca estinta. Infine, su alcune rocce si possono osservare alcune scritte risalenti al periodo romano: un arcaico vandalismo che rende questa zona interessante anche dal punto di vista storico. Per queste scritte la spiaggia è anche detta Istories, ovvero storie. Si raccomanda di non asportare i fossili perché oltre ad essere un danno grave ecologico è anche un reato gravissimo. La spiaggia di sabbia di colore rosso tenue si pone in forte contrasto con il bianco delle scogliere. Il mare è di colore verde scuro, i fondali rocciosi in gran parte della zona delimitata dalla baia. Subito più a nord si trova Akritamos, una versione più piccola di Asprougas, ma priva del suo fascino e della sua importanza storica e naturalistica.

Papaloukas è il nome di due spiagge separate da un alto promontorio roccioso. Le spiagge, di sabbia e sassolini, s'affacciano sul mare di colore verde tenue che nei pressi il promontorio offre il meglio di se: i fondali rocciosi attorno agli scogli sono pieni di pesci. Con il nome Papaloukas a Creta viene chiamata la cistanche phelypaea, una pianta particolare di colore giallo molto diffusa nei dintorni della spiaggia.

Se i reali britannici scelsero la zona sud apprezzando la bellezza delle spiagge e del mare, in realtà sono molti a considerare Kamarelles come spiaggia più bella (e più frequentata) di Koufonisi. La battigia è ricoperta di pietre verdi che sembrano gemme opalescenti che si ritrovano sparse anche sul resto della spiaggia: da lontano si può notare come creino delle venature verdi. Il mare, dai fondali bassi, è di un colore azzurro invitante. Di fronte si vede l'isolotto Marmaro. La spiaggia tra il suo nome dai due enormi archi naturali che si trovano nella parte meridionale della spiaggia. Si pensa che nell'antichità fossero utilizzati come abitazioni.

Si può raggiungere Koufonisi da Makrygialos noleggiando una barca o un gommone oppure con il Poseidon, battello privato di Michalis Avgoustinakis, pescatore ed esperto skipper che oltre ad effettuare escursioni sulle spiagge di Koufonisi (e dell'isola di Chrissi), permette di praticare pesca sportiva. Il prezzo a persona è variabile perché il costo è per giornata di navigazione, da dividere tra tutti i partecipanti (€450 nel 2015). Alcuni anni fa era attivo un trasporto pubblico giornaliero da Makrygialos a Koufonisi con una nave, ma è stato soppresso. Tuttavia, chiedete al porticciolo di Makrygialos se hanno riattivato il servizio.

Koufonisi è un paradiso incontaminato e tale deve rimanere. Abbiate il massimo rispetto per questo territorio ricordando che essendo un’isola selvaggia e disabitata nessuno passa a pulire. Non gettate nulla a terra, ricordando di portare con voi tutto eventuali vostri rifiuti.



In giro per Koufonisi, Creta



Leggi le altre pagine su Creta
Nome

Aeroporti,1,Alloggi,25,Alonissos,1,Amorgos,1,Andros,6,Antiparos,1,birre,21,blog,83,Cefalonia,1,Corfu,11,Creta,17,Cucina greca,3,Folegandros,8,grecia,3,Guide,14,Ios,8,isole greche,3,Karpathos,9,Kos,13,Lefkada,2,Lemnos,1,Milos,1,Mykonos,10,Naxos,9,Offerte 2015,7,Offerte 2016,1,Offerte 2017,11,Paros,9,Ricette greche,2,Rodi,12,Santorini,11,Serifos,1,Sifnos,1,Skiathos,9,Skopelos,8,Tinos,3,Villaggi turistici,10,Zante,10,
ltr
item
ISOLE GRECHE - Guide per le tue vacanze in Grecia: Isola di Koufonisi | Creta | Grecia
Isola di Koufonisi | Creta | Grecia
Nel mar Libico, a poche miglia nautiche dalla costa meridionale di Creta, c'è Koufonisi, una piccola e fantastica isola piena di storia e belle spiagge.
https://3.bp.blogspot.com/-zol3CvNG0mM/Vp1lKm452XI/AAAAAAAAV2Q/rbPxDBsvkxk/s1600/koufonisi-creta.jpg
https://3.bp.blogspot.com/-zol3CvNG0mM/Vp1lKm452XI/AAAAAAAAV2Q/rbPxDBsvkxk/s72-c/koufonisi-creta.jpg
ISOLE GRECHE - Guide per le tue vacanze in Grecia
http://www.isole-greche.com/2015/12/koufonisi-creta.html
http://www.isole-greche.com/
http://www.isole-greche.com/
http://www.isole-greche.com/2015/12/koufonisi-creta.html
true
1646786698668802944
UTF-8
Caricati Tutti i Post Non è stato trovato alcun post VEDI L'ELENCO COMPLETO Continua a leggere Reply Cancel reply Cancella Da Home PAGINE POST Vedi Tutto RACCOMANDATO PER TE TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POST Non è stato trovato alcun post che soddisfa la tua richiesta Ritorna all'Home page Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic proprio adesso 1 minuto fa $$1$$ minutes ago 1 ora fa $$1$$ hours ago Ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Follow QUESTO È UN CONTENUTO PREMIUM Per piacere, condividi per sbloccarlo Copia Tutto il Codice Selezione Tutto il Codice Tutti i codici sono stati copiati nella clipboard È impossibile copiare il codice / testo, per piacere premi CTRL+C (o CMD+C con il Mac) per copiare