Zante

Zante è una delle isole greche più conosciute e frequentate della Grecia. Ogni estate richiama tantissimi turisti per la bellezza del suo mare tra cui Navagio, una delle spiagge greche più belle e fotografate. Inoltre, Zante è una delle isole greche con il miglior divertimento notturno.

L’isola è nota anche come Zacinto, termine che ha origine dal greco Ζάκυνθος (traslitterato Zakynthos), un nome che fa tornare alla mente la celebre poesia di Ugo Foscolo. Il poeta scrisse questi versi afflitto dall’idea di non poter far più ritorno nella sua amata terra. Infatti, nacque nel 1778 a Zante, allora possedimento della Serenissima Repubblica di Venezia, da un ufficiale medico origini italiane e da una donna greca.

Zante ha contribuito all’evoluzione culturale e artistica della Grecia. L’isola fu dominata da diversi popoli stranieri, in particolare dai Veneziani. Questi non solo ebbero rispetto per la popolazione e le sue tradizioni, ma si fecero promotrice di artisti e scrittori.

Le opere di autori zantioti furono pubblicate a Venezia ricevendo visibilità in tutta Europa. Allo stesso modo fu rilevante il contributo nel teatro, nella pittura e nella musica. Infatti, passeggiando per le stradine del capoluogo, osservando i palazzi storici, visitando musei e gallerie d’arte, si può considerare come l’isola presenti i segni di un passato culturale e artistico vivo ancora oggi.

Zante: informazioni utili e consigli

Grotte Blue - Zakynthos
Le Grotte Blu
  • Abitanti: 40.000
  • Capoluogo: Zante Città
  • Superficie: 406 km²
  • Aeroporti: Dionisios Solomos (voli diretti dall’Italia)
  • Porti: Zante Città | Agios Nikolaos

Zante è l’isola più a sud e la terza più grande dell’arcipelago delle Isole Ionie. Si trova a una distanza di 10 M dalla costa greca. Il verde caratterizza il suo territorio con ampie macchie boscose di pini che si alternano a vigneti, uliveti, prati fioriti e campi coltivati. Perciò Omero nelle sue opere la chiamò Fior di Levante.

L’origine del nome può essere spiegata leggendo il celebre poeta Omero, il quale fa riferimento a Zacinto, figlio di Dardano, a sua volta, figlio di Zeus e della pleiade Elettra. Giunse sull’isola assieme ai suoi uomini intorno al XVI-XV secolo a.C. Si fermò sull’isola stabilmente e gli diede il suo nome. Costruì un’acropoli alla quale fu dato il nome di Psofida.

Gli Zantioti sono in gran parte impiegati nel settore dell’agricoltura e dell’allevamento di bestiame. Le produzioni rilevanti sono olio d’oliva, vino, carni e formaggi. Negli ultimi anni, il turismo di Zante è divenuto la principale risorsa economica. Il trend è in continua crescita, favorito da belle spiagge attrezzate e acque cristalline, ideali per diving e snorkeling. Negli ultimi decenni sono sorte tante strutture ricettive così da soddisfare la forte richiesta turistica, principalmente britannica e italiana.

L’isola è abitata tutto l’anno. Perciò troverete tutti i servizi utili al cittadino e svariate attività commerciali. Appena fuori il capoluogo, il località Gaitani, si trova l’Ospedale Generale di Zante “Agios Dionisios”, una struttura con diversi reparti aperta nel 2012. Farmacie e guardie mediche private sono presenti nei maggiori centri balneari e in qualche villaggio dell’entroterra.

Le cittadine principali dell’isola di Zante

Informazioni e consigli su Zante, Grecia
La Città di Zante

Il capoluogo dell’isola è la Città di Zante. Il suo centro storico andò quasi del tutto distrutto durante il terremoto del 1953. Gran parte dei palazzi civili e religiosi più importanti fu ricostruita rifacendosi agli edifici preesistenti seguendo, però, severe regole antisismiche. Durante una visita alla cittadina non deve mancare una visita ai suoi più importanti musei.

Gli altri centri si distinguono in località balneari, abitati principalmente d’estate e quasi deserti d’inverno, e borghi tradizionali, piccoli luoghi dove il tempo sembra essersi fermato a decenni fa. Se volete conoscere la vera anima di Zante, dovete visitare questi piccoli villaggi, fermarvi in uno dei kafeneia (caffè/bar di paese), prendere qualcosa da bere e mescolarvi tra la gente del posto. Per approfondimenti, puoi leggere la pagina che racconta i luoghi da visitare a Zante.

La natura di Zante

Percorso hiking Zante
Percorso hiking a Zante

La morfologia di Zante mostra forti contrasti tra la costa orientale, piena di spiagge sabbiose facilmente accessibili e quella occidentale dove la costa frastagliata disegna scenari drammatici da mozzare il fiato. In questa zona il mare assume l’aspetto di una piscina d’acqua salata dai colori pazzeschi.

Il tratto di costa incluso tra Capo Gerakas a Capo Marathia fa parte del Parco Nazionale Marino di Zante. Su queste spiagge le tartarughe caretta caretta vengono a deporre le loro uova e molte di esse sono interdette all’uomo dal tramonto all’alba mentre non sono mai accessibili. Tra gli altri animali tutelati dal Parco è la foca monaca, una specie protetta in via d’estinzione che vive nelle acque antistanti la costa meridionale e che spesso appare su alcune spiagge per riposarsi a riva.

Zante è battuta dagli amanti delle passeggiate. L’isola offre diversi percorsi escursionistici segnalati che permettono un piacevole contatto con la natura. Nei mesi caldi, in particolare in primavera, è possibile praticare birdwatching.

Zante: le nostre opinioni

  • Città e villaggi – Il capoluogo è grazioso, anche se non memorabile. Altrettanto si può affermare per gli altri villaggi. Purtroppo, il terremoto ha cancellato gran parte della storia e dell’architettura tradizionale.
  • Spiagge e mare – La sola spiaggia di Navagio vale il prezzo della vacanza. In realtà, sono tantissime le spiagge spettacolari bagnate da un mare dai colori fantastici.
  • Diving e snorkeling –  Il mare è così limpido da sembrare una piscina naturale: le sessioni di diving e lo snorkeling regalano momenti indimenticabili!
  • Windsurf e kitesurf – Recentemente ha aperto un centro windsurf. Tuttavia, la verità è che le condizioni del vento a Zante non consentono di praticare bene né windsurf né kite.
  • Attrazioni culturali – Assieme alle cittadine, molti monumenti storici sono scomparsi a causa del sisma del 1953. Pochi, ma interessanti musei. Nessun sito archeologico di rilievo.
  • Paesaggi (panorami, foto…) – Scattare una foto alla spiaggia di Navagio, una delle più fotografate delle Grecia, è un must! Bei panorami e bei paesaggi naturali.
  • Natura ed escursionismo (hiking, trekking…) – Ci sono circa trenta interessanti percorsi escursionistici ben segnalati, di ogni livello di difficoltà.
  • Relax – L’isola è turistica e molto affollata in alta stagione. Per fortuna, girando si riescono a trovare zone e spiagge più tranquille.
  • Vita notturna – Zante è una delle isole più divertenti della Grecia! Inutile dire altro!
  • Adatta ai bambini – Sebbene Navagio, la spiaggia più famosa, e altre meraviglie siano raggiungibili solo in barca e poco sicure per i bambini, troverete numerose belle spiagge sabbiose a misura di bimbo.
  • Trasporti pubblici – Gli autobus sono abbastanza recenti e in buone condizioni. Purtroppo, non rispettano mai gli orari. Facile rimanere a lungo sotto il sole ad aspettarli. Non portano neanche alle spiagge più belle.
  • Prezzi economici – L’isola è molto economica a patto di prendere con largo anticipo volo e alloggio.
Video dell’isola di Zante

Pagine correlate